Federal Reserve cambia idea sui tassi, di nuovo!

Edoardo Reale
da Edoardo Reale novembre 23, 2015 07:31 Updated

Federal Reserve cambia idea sui tassi, di nuovo!

L’innalzamento dei tassi d’interesse era praticamente sicuro, ma adesso sembra proprio che la Federal Reserve sia pronta a cambiare idea, di nuovo.

Scopri come seguire i traders esperti copiando da chi guadagna!
Clicca qui ed inizia a copiare dagli esperti!

Il principale market mover della scorsa settimana è stato senza dubbio la Federal Reserve, che con le sue minutes ha portato non pochi dubbio. Il mercato azionario è comunque salito dopo il rilascio delle minutes. Il Dollaro tuttavia è sceso al ribasso, chiudendo la settimana con un nulla di fatto.

I verbali hanno mostrato che molti membri del Federal Open Market Committee ritengono che un aumento di tassi il mese prossimo sarebbe opportuno. I commercianti hanno letto i verbali capendo che la Fed è fortemente pronta verso un aumento del tasso a dicembre, ma i problemi sono venuti sul fatto che la Fed non sa in che misura rialzare i tassi, e quindi questo ha contribuito a portare non pochi problemi agli investitori. Inoltre, con l’assenza di una politica monetaria vera e propria, gli investitori sono preoccupati più sui futuri rialzi dei tassi, che solo la Fed ha detto saranno “graduali”.

La rottura del dollaro ha mostrato che i traders avevano ormai già considerato al 100% un innalzamento dei tassi, ma ha ovviamente indicato anche che il dollaro potrebbe essere inevitabilmente sopravvalutato.

La coppia AUD/USD è salita al suo massimo delle ultime due settimane, in quanto i traders hanno reagito alle news da poco annunciate da parte della FOMC del 18 Novembre 2015.

Le minutes hanno affermato il fatto che l’innalzamento dei tassi avverrà durante il meeting di dicembre. Tuttavia, gli investitori del Dollaro hanno espresso non pochi dubbi circa i prossimi innalzamenti dei tassi.

Sono quindi arrivate le short in quanti gli investitori hanno ignorato la caduta delle materie prime.

Il Dollaro Neozelandese si è essenzialmente rafforzato dopo le minutes della Federal Reserve, che hanno affermato che l’innalzamento dei tassi ci sarà a dicembre, ma senza una vera e propria politica monetaria, portando i traders quindi a prendere profitto.

La coppia GBP/USD ha chiuso al ribasso dello -0.65% durante la giornata di venerdì.
La Banca d’Inghilterra ha ormai affermato che non innalzerà i tassi prima del 2016, e ci vorranno due anni per raggiungere l’obiettivo di inflazione del 2%.

Concludiamo con EUR/USD, che a quanto pare ha trovato supporto, anche grazie all’incertezza della Fed, molto meno hawkish del solito. Tuttavia questa coppia è ancora molto neutrale secondo i fondamentali (non secondo l’analisi tecnica) visto che Draghi ha affermato che nuovi stimoli monetari sono in arrivo.

Edoardo Reale
da Edoardo Reale novembre 23, 2015 07:31 Updated
Sono laureato in Economia e seguo i mercati dal lontano 2001. Sono un trader professionista dal 2005 circa. Mi occupo di mercati azionari e di analisi valute.
Scrivi un commento

Nessun commento

Nessun commento ancora!

Nessun commento. Puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Scrivi un commento
Vedi commenti

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata.
Required fields are marked*