Lo strano rally dei metalli preziosi

Valeria
da Valeria marzo 21, 2017 16:03

Lo strano rally dei metalli preziosi

Le quotazioni dei metalli preziosi, oro e argento, hanno sorpreso gli addetti ai lavori e gli stessi investitori con il rialzo dimostrato dopo l’aumento dei tassi della Federal Reserve. I motivi che stanno dietro all’aumento di quotazione sono, secondo gli analisti, alquanto validi e meritano di essere approfonditi per comprendere nel complesso la situazione economica dei mercati.

Scopri come seguire i traders esperti copiando da chi guadagna!
Clicca qui ed inizia a copiare dagli esperti!

Di base, quando la FED alza i tassi, l’oro scende nella sua quotazione, così come gli altri metalli preziosi come l’argento. Questa situazione non si è però verificata nel corso dell’ultimo aumento di tassi, perché l’oro ha visto salire il suo valore dell’1.3% e l’argento del 2.6%. la Fed ha aumentato il tasso di 25 punti base e l’evento si pone come il terzo negli ultimi dieci anni negli Stati Uniti.

L’aumento del tasso di interesse apporta solitamente un effetto domino in tutto il mercato economico, con aumenti dei tassi di interesse sul credito variabile e un aumento dei beni fruttiferi, quali i bond e i conti di risparmio. Gli asset sicuri si alzano e l’aumento dei tassi si propone come una vittoria per gli investitori che puntano su questa forma di risparmio. Raramente l’aumento dei tassi della Fed sono una buona notizia per i metalli preziosi perché, in termini di investimento, essi contano sul fatto che gli asset rimangano bassi e quindi poco attraenti, perché in questo caso gli investitori vi rinunciano e si buttano sui beni conosciuti e di rifugio quali l’oro e l’argento.

Quotazione Oro in tempo reale

Aumento tassi FED: in aumento le quotazioni dei metalli

Con il rialzo di marzo il valore dei metalli è salito e questa situazione si rivela in controtendenza con il passato e con la natura stessa dei titoli. Gli analisti hanno quindi spiegato che si è verificata una situazione ‘vendere sulla voce acquistare sulla notizia’. In termini pratici, il prezzo dei metalli preziosi è calato nelle settimane che precedevano la comunicazione del rialzo dei tassi di interesse, tassi che sono saliti ma di poco e con una dichiarazione della Fed cauta. La Yellen non ha infatti pronunciato un discorso allarmista e nulla fa presagire che per il resto dell’anno la Fed alzi i tassi di ulteriori punti percentuali.

In altri termini, La banca centrale americana ha dimostrato una condotta lenta e cauta, un cammino verso un 2% che si propone come meta per la stabilizzazione del mercato finanziario. A questo comportamento si è aggiunta la notizia del voto contrario di Neel Kashkari che dimostrerebbe quanto il cammino verso il 3% possa essere lento e molto ponderato. Ecco che un simile atteggiamento, quando Wall Street si aspettava un rialzo clamoroso, ha permesso ai metalli preziosi di non affondare anzi, di aumentare il loro valore seppur di poco. Oro e argento hanno aumentato il valore perché il percorso è lento e loro non saranno ‘abbandonati’ dagli investitori ancora per molto tempo. Questa è la ragione spiegata dagli analisti e dimostrata da una situazione stabile del valore dei metalli preziosi anche nei giorni seguenti alle dichiarazioni di aumento dei tassi da parte della Federal Reserve.

Valeria
da Valeria marzo 21, 2017 16:03
Scrivi un commento

Nessun commento

Nessun commento ancora!

Nessun commento. Puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Scrivi un commento
Vedi commenti

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata.
Required fields are marked*