Il Ministro delle Finanze Greco è la nuova celebrità in Europa

Edoardo Reale
da Edoardo Reale febbraio 13, 2015 17:25

Il Ministro delle Finanze Greco è la nuova celebrità in Europa

Sommmario

  • Yanis Varoufakis è un ex professore di economia, diventato Ministro delle Finanze con il partito Greco in carica Syriza. Scopriamo di più su di lui.

Articoli collegati

La Borsa Greca ha avuto un’ottima giornata lo scorso martedì, quando l’indice “Athens Stock Exchange General” è salito dell’11.3%. Questo bel movimento verso l’alto c’è stato grazie al fatto che la Grecia sta pian piano uscendo dal suo problema del debito.

Scopri come seguire i traders esperti copiando da chi guadagna!
Clicca qui ed inizia a copiare dagli esperti!

Al centro di tutto questo, c’è la rockstar greca, il Ministro delle Finanze Yanis Varoufakis, un vero e proprio mattatore dell’economia, che è la voce e la faccia della situazione economica Greca di oggi, e del suo futuro.

Il Marxista Libertario che salverà la Grecia

Varoufakis è un Marxista Libertario, che è diventato Ministro delle Finanze dopo che Syriza ha vinto le elezioni lo scorso Gennaio.

Prima di venire eletto in parlamento, Varoufakis era un professore di economia. Ha insegnato teoria economica all’Università di Atene, ma per gli ultimi due anni ha passato il suo tempo in visita come professore all’Università del Texas, ad Austin.

Un passato presso Valve

Yanis è famoso per il suo lavoro svolto presso la società Valve, l’azienda specializzata in videogiochi di ultima generazione, dove il suo lavoro consisteva nell’analizzare le vendite di beni virtuali e circa le micro-transazioni (un pò come gli acquisti In-App sui nostri smartphone) nei giochi come Dota 2 e Counter-Strike. Varoufakis entrò a far parte di Valve tre anni fa per poi iniziare ad amministrare e ad analizzare il modello economico dell’azienda nello “Steam Market” (il marketplace di videogiochi più famoso al mondo).

Un look casual per Yanis

Famoso per il suo look, solitamente giacca e camicia rigorosamente senza cravatta (il nostro Primo Ministro Renzi gli regalò scherzosamente una cravatta, da usare il giorno in cui avrebbe voluto usarla). L’assenza di quella cravatta è però strategica (noi pensiamo), quasi a voler dire: “Io sono diverso, non sono il classico Ministro in giacca e cravatta”.

Il Maestro della Teoria dei Giochi

Varoufakis è specializzato nel “Game Theory” ovvero la “Teoria dei Giochi” che sarebbe la scienza matematica che studia le situazioni di conflitto tra due o più parti, cercando di scovare soluzioni che siano estremamente competitive e cooperative tramite dei modelli economici. Si tratta quindi dell’analisi delle decisioni che vengono prese dal singolo in situazioni di dialogo con altri antagonisti (due o più), tali per cui le decisioni che vengono prese da un “giocatore” possono influire sui risultati dall’altro secondo un meccanismo di retroazione, per cercare di avere il massimo guadagno dal “gioco”.

No alla Troika

Nelle scorse settimane Varoufakis ha iniziato un tour per l’Europa dove ha incontrato i vari leader politici dei più grandi paesi europei. Il leitmotiv del tour è stato quello di essere ben chiari, infatti Varoufakis ha specificato che non negozierà con nessuno, specialmente con la Troika. In Francia ha ottenuto il supporto di Hollande.

Lo scambio

La scorsa settimana Varoufakis ha proposto uno scambio invece di un taglio del debito che sta attanagliando la grecia:

In una maniera molto gentile ed onesta (e anche furba), Mr. Varoufakis ha detto al Financial Times che il governo non vorrebbe più chiedere un taglio da 315 miliardi di euro, del debito estero della Grecia. Piuttosto preferirebbe chiedere uno scambio debito per alleviare il peso che sta gravando sulla Grecia, tra cui due tipi di nuove obbligazioni.

Edoardo Reale
da Edoardo Reale febbraio 13, 2015 17:25
Sono laureato in Economia e seguo i mercati dal lontano 2001. Sono un trader professionista dal 2005 circa. Mi occupo di mercati azionari e di analisi valute.
Scrivi un commento

Nessun commento

Nessun commento ancora!

Nessun commento. Puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Scrivi un commento
Vedi commenti

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata.
Required fields are marked*