Oggi sarà una giornata importante per l’Europa

Edoardo Reale
da Edoardo Reale febbraio 11, 2015 10:03

Oggi sarà una giornata importante per l’Europa

Sommmario

  • Grande pressione in tutta Europa per il meeting di oggi. Che sarà con grande probabilità decisivo per il futuro dell'Europa, e del mondo.

Articoli collegati

Due grandi meeting si terranno oggi, e l’impatto geopolitico e macroeconomico sarà grandissimo. Il successo o il fallimento di questi due meeting avranno ripercussioni abbastanza importanti per i mercati, e sopratutto per il panorama politico europeo.

Scopri come seguire i traders esperti copiando da chi guadagna!
Clicca qui ed inizia a copiare dagli esperti!

A Minsk, in Bielorussia, i leader di Germania, Francia, Ucraina e Russia si incontreranno in questi giorni per stipulare un contratto di pace che potrebbe salvare l’Europa e il mondo da una possibile guerra futura.

Il mancato accordo tra questi paesi porterà l’Unione Europea a dover multare economicamente la Russia, multe che erano state rinviate al meeting diplomatico che si terrà oggi 11 Febbraio.

Un eventuale fallimento, permetterà agli Stati Uniti d’America di inviare rinforzi all’Ucraina, tuttavia il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama non si è ancora pronunciato su questo programma, che però sappiamo è in progettazione da tempo.

Questa sera i ministri delle finanze della zona euro si incontreranno per stabilire se un nuovo accordo potrà essere raggiunto per la Grecia.

L’Unione europea ha rinviato le nuove sanzioni contro la Russia in quanto non sono riusciti a trovare un accordo su come affrontare la russia prima dell’incontro per trovare la pace con l’Ucraina, che intanto ha affermato (il governo di Kiev) che sempre più truppe russe sono entrate nella zone del conflitto Ucraino.

Se la prospettiva di guerra senza frontiere sul suo confine orientale non è sufficiente per l’Europa per preoccuparsi, c’è anche la prospettiva concreta dell’esplosione di un grande debito sovrano sul confine più a sud.

I vari ministri degli Esteri dell’Eurozona a Bruxelles in una riunione lunedì scorso, hanno accettato di ritardare l’espansione di una lista nera di un altre 19 persone e nove organizzazioni di una settimana, fino al sedici febbraio. La decisione sarà quella di “dare spazio” per la diplomazia prima di un summit in programma tra i leader di: Ucraina, Russia, Germania e Francia a Minsk, Bielorussia,

La Grecia sta mettendo insieme tutte le sue energie per ottenere un prestito ponte di 10.000.000.000 € (10 miliardi di euro) per permettere di evitare una crisi dei finanziamenti nel paese, ma anche per dare il tempo al nuovo governo greco per elaborare un nuovo piano per la sostenibilità delle finanze greche.

Finora i progetti e i piani greci si sono incontrati con il minimo supporto possibile dagli altri ministri delle finanze della zona euro, tra tutti con Schaeuble della governo tedesco, che ha affermato che la Grecia deve accettare un piano completo, piuttosto che un “prestito ponte”, oppure deve impegnarsi nel programma di salvataggio esistente.

Questa mattina però sono arrivati i primi rumors di un possibile compromesso che sta per essere contrattato dai vari paesi, ma sia per quanto riguarda i ministri greci e gli altri ministri delle finanze dell’area dell’euro siamo ancora molto distanti da un possibile accordo veritiero, e le probabilità di fallimento sono ancora molto elevate.

La riunione dei ministri delle finanze inizierà stasera. Non c’è tuttavia ancora un orario programmato per la conferenza stampa di Minsk, vi terremo aggiornati.

Edoardo Reale
da Edoardo Reale febbraio 11, 2015 10:03
Sono laureato in Economia e seguo i mercati dal lontano 2001. Sono un trader professionista dal 2005 circa. Mi occupo di mercati azionari e di analisi valute.
Scrivi un commento

Nessun commento

Nessun commento ancora!

Nessun commento. Puoi essere il primo a commentare questo articolo.

Scrivi un commento
Vedi commenti

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata.
Required fields are marked*