Banca Generali: raccolta a Giugno 2018 positiva

Banca Generali ha archiviato il mese di giugno con una raccolta netta di 502 milioni di euro. Il saldo per la società nel primo semestre dell’anno è pari a 3,15 miliardi. In risalto in questo 2018 le soluzioni dedicate al risparmio gestito e assicurativo, per un ammontare di 1,6 miliardi di euro. Il titolo debole oggi a Piazza Affari, scambiato intorno ai 22 euro.

Banca Generali, raccolta a 502 milioni

Banca Generali ha chiuso il mese di giugno con una raccolta netta di 502 milioni di euro. Il saldo da inizio anno sale così a 3,15 miliardi.

La società sottolinea che i dati mensili sono stati influenzati dai pagamenti delle tasse e delle imposte dei clienti, per un ammontare di 125 milioni, a cui vanno ad aggiungersi 61 milioni per gli esborsi erariali dello scorso 2 luglio.Un mese che ha confermato il trend positivo verso l’acquisizione della clientela nel privato, come riportato nella stessa nota diffusa dall’istituto.

Nel periodo in esame si evidenziano i buoni risultati ottenuti dalle soluzioni gestite ed amministrate, tra cui viene segnalata la cartolarizzazione dei crediti sanitari ed i private certificates, questi ultimi capaci di raggiungere i 100 milioni di euro di raccolta da quando sono stati immessi sul mercato.

Banca Generali, cresce risparmio gestito e assicurativo

Buoni i risultati nel semestre per la raccolta della Banca nel comparto del risparmio gestito e assicurativo, attualmente lo strumento preferito dalla clientela per la custodia dei rispettivi patrimoni. Il saldo complessivo ha raggiunto una quota di 1,6 miliardi di euro.

Nella divisione del gestito, si segnalano in positivo i prodotti assicurativi “Wrapper” e la Sicav lussemburghese “Lux IM”, quest’ultima con circa 200 milioni di euro di raccolta a distanza di soli 2 mesi dal debutto.Molto bene anche le masse di consulenza evoluta che hanno oltrepassato la quota di 2,2 miliardi di euro, di cui 900 milioni raccolti soltanto nel primo semestre dell’anno.A margine della presentazione dei dati sulla raccolta di giugno, sono giunti i commenti positivi del Ceo del gruppo, Gian Maria Mossa. Il numero uno della banca ha confermato i target annuali, malgrado le difficoltà incontrate sui mercati, caratterizzati da una estrema volatilità.

Si prevede una ulteriore crescita anche nella seconda parte dell’anno.

Al momento a Piazza Affari il titolo Banca Generali è in calo dello 0,45 per cento a quota 21,96 euro.

SHARE
Nato a Roma il 24/01/1978. Nel 2003, mi sono iscritto alla facoltà di Economia dell’Università dove mi sono laureato in Economia e Finanza. Nell’Ottobre 2014 mi sono classificato al 3° posto alla Traders Cup nella competizione sul mercato azionario.

LEAVE A REPLY