Mediaset crede nell’app dedicata ai professionisti privati

Fazland è un’app di nuova generazione, che sfrutta un concetto più volte ribadito in epoca di sharing economy con cura e con precisione. L’applicazione si propone, infatti, di incrociare l’offerta dei liberi professionisti che operano in una certa città con la domanda delle persone private e anche delle aziende. Serve un imbianchino perché stiamo traslocando o un massaggiatore per rilassarci dalle fatiche del lavoro?

Fazland permette in pochi gesti di trovare i punti di riferimento più vicini e che sanno rispondere al meglio alle nostre esigenze. Si tratta di una piattaforma estesa e che promette molto bene, tanto che su di lei sta scommettendo Mediaset con il suo braccio di venture capital Ad4Ventures. La venture ha recentemente partecipato a un investimento del valore di 4.5 milioni di euro da iniettare nel portale e l’investimento è stato guidato in collaborazione con una cordata di investitori privati capitanati dal leader investor Red Seed Ventures.

Mediaset punta sulle App

Perché puntare su questa piattaforma? Le ragioni sono molte, ma la genesi di Fazland è molto interessante. Si tratta di una piattaforma lanciata nel 2014 a Reggio Emilia e nata dalle menti di Alessandro Iotti, Vittorio Guarini, Federico Panini e Giovanni Azzali. La piattaforma parte da un’idea alquanto semplice e intuitiva, ovvero incrociare la domanda con l’offerta con l’impiego di un comparatore, che permette di ricercare i migliori esperti in diversi campi.

Ad esempio, l’utente può chiedere di ricevere dei preventivi nella sezione ‘casa’, dove trova persone addette all’impiantistica come gli idraulici, gli elettricisti, ma anche imbianchini o decoratori, poi può dedicarsi ai servizi per la persona quindi estetisti, parrucchieri o personal trainer, pensare al business con la ricerca di commercialisti, notai e avvocati, oppure trovare i professionisti che sanno creare e organizzare i suoi eventi, dal wedding planner al cuoco a domicilio. Fazland divide chiaramente e graficamente le aree di interesse fin dall’inizio e questa scelta permette all’utente di velocizzare e di concentrare al massimo la sua ricerca. Una volta effettuata, la ricerca dà infatti i suoi frutti in tempi brevi e l’utente riceve delle proposte di servizio, con metodologia e costi del lavoro. Il contatto può quindi proseguire telefonicamente se l’utente ritiene di aver ricevuto una buona offerta o, soprattutto, un’offerta che sa rispondere alle sue richieste e alle sue esigenze.

Mediaset in Borsa

Mediaset: obiettivi

La piattaforma annovera Fazland al suo interno migliaia di aziende e vanta circa un migliaio di collegamenti effettuati ogni giorno. Lo scopo è di puntare sulla qualità e l’entrata del gruppo Mediaset al progetto si propone come uno stimolo, ma anche come una grande possibilità. L’app e la relativa azienda hanno infatti potuto strutturare al meglio l’organico e inserire figure professionali di rilievo al suo interno, nella gestione così come nella comunicazione cross mediale.

I soldi investiti serviranno quindi a far crescere l’azienda dal punto di vista organico con migliorie apportate all’usabilità e alla chiarezza grafica, ma anche per lanciare programmi comunicativi forti ed efficaci, le uniche armi che possono rendere un’app utile ma ancora poco conosciuta una superpotenza impiegata da milioni di persone in tutto il paese.

SHARE

LEAVE A REPLY